Stampa il PDF della pagina

Progetto Biancone


a cura di Stefano Sava e Ignazio Zanutto


Perché:
Il Biancone è una delle specie (inserite nel all. 1 della DIR CE 79/409 ed in Birds in Europe 2004 come SPEC 3) che hanno permesso l’istituzione del SIC/ZPS IT3340006 e dell’IBA del Carso (che comprendono sia il Carso triestino che quello goriziano).
Un progetto dedicato alla specie è già stato portato avanti da ASTORE-FVG nella stagione riproduttiva 2006, permettendo di confermare la presenza di 3 probabili coppie nidificanti. Quest’anno si vuole continuarne il monitoraggio allo scopo di raccogliere ulteriori dati.

Come:
Il monitoraggio prevede uscite mirate (altrimenti è molto difficile osservare i Bianconi), in zone prestabilite, dove le probabilità di osservazione sono maggiori, nel tentativo di osservare i Bianconi in caccia o (magari) mentre portano la preda al nido. Ovviamente qualsiasi osservazione di Biancone, anche casuale, è utile e può essere segnalata preferibilmente tramite l’apposita scheda, da inviare a questi indirizzi mail: ignazio.zanutto@gmail.com e stefanosava@yahoo.it. Per avere maggiori possibilità di osservazione e collaborare più attivamente al progetto (aperto a tutti!!), in funzione ovviamente delle disponibilità di tempo di ognuno, viene consigliato di portarsi in un punto di osservazione elevato in una delle zone suggerite e scrutare l’orizzonte con cannocchiale (meglio) o con il binocolo, alla ricerca di Bianconi. E’ un animale di grosse dimensioni, visibile anche a grande distanza per la sua abitudine di cacciare in “spirito santo” anche molto alto da terra.
Le uscite e tutte le osservazioni vanno preferibilmente riportate sulla scheda appositamente predisposta. Fondamentale è segnalare anche le uscite a vuoto, quando cioè non si è riusciti a contattare il Biancone, perché forniscono anch’esse dati molto importanti.

Dove:
Il progetto è dedicato al SIC/ZPS e all’IBA del Carso. In particolare sono stati identificati degli osservatori nei punti più elevati, da cui è possibile avere una buona visuale sull’altipiano carsico e sui territori di caccia maggiormente frequentati dai Bianconi. In particolare queste aree sono:

* Monte Stena
* Basovizza (dal ciglione che sovrasta le “Rose d’Inverno”)
* Monte Orsario
* Monte Lanaro
* Monte San Leonardo
* Monte Ermada
* Monte 6 busi (strada sterrata tra Doberdò e Redipuglia - via Redipuglia)
* l'area attorno al lago di Doberdò.

Ogni altro luogo elevato può essere comunque molto interessante.

Quando:
Il periodo migliore per osservare i Bianconi nidificanti va dalla seconda metà di giugno fino alla fine di luglio, quando i genitori devono darsi un sacco da fare per procurare serpenti per nutrire l’aquilotto che cresce nel nido. Aumentano quindi le probabilità di osservare i genitori in caccia a tutte le ore del giorno.

Scheda:
La scheda va compilata con la data dell’uscita, il nome/i del rilevatore/i. Importante poi annotarsi anche le condizioni meteo, l’ora di inizio e fine rilevazione. Nel caso si contattino i bianconi, si debbono segnare:

* L’ora d’inizio e fine in cui si sono osservati
* La località e le coordinate UTM ED 1950 del punto da cui si effettua l'osservazione e dell'area dove si vedono i Bianconi in sosta o alimentazione

* La direzione di volo di quelli in transito (importantissimo il dato degli eventuali Bianconi con preda).
* L’attività in cui sono impegnati: caccia, sosta, transito o trasporto preda

E' di fondamentale importanza poi segnalare anche le osservazioni mirate effettuate senza riuscire a contattare i Bianconi.Chi non avesse la possibilità di utilizzare un GPS, come riferimento per le coordinate si utilizzi la "carta topografica per escursionisti", 1:25.000, Carso Triestino ed Isontino, ed. Tabacco. La carta riporta il reticolo kilometrico UTM ed ha la possibilità di ottenere anche dati di maggior dettaglio utilizzando il "coordinatometro" stampato sulla custodia trasparente.
Come ultima ed estrema possibilità, si può provare ad usare Google Maps o altre mappe o ortofoto in rete.

scarica la Scheda Biancone

E’ fondamentale l’apporto di tutti, quindi tutti siete invitati a collaborare al progetto. A questo proposito è stato costituito un gruppo di lavoro dedicato. Chi avesse voglia di contribuire al lavoro, può scrivere una mail a Stefano Sava (stefanosava@yahoo.it) e Ignazio Zanutto (ignazio.zanutto@gmail.com) e verrà inserito nella mailing list dedicata.


Indietro: Progetti
Avanti: Progetto Corvo